PRISMA ART PRIZE – GIURIA

 

LA GIURIA ASSEGNERÀ IL PREMIO TRIMESTRALE E IL PREMIO ARTEZA.

MARCO CRISPANO (Direttore artistico)

(PITTORE – 1994 – PESCARA)

 

Nato e cresciuto a Pescara nel 1994, vive e lavora a Roma dal 2013 dove ha conseguito una laurea in scienze economiche. Si approccia alla pittura nella capitale, apprendendo le basi del manierismo caravaggesco dal maestro Giorgio Dante da cui si allontana dopo poco tempo. Predilige la pittura ad olio e acrilica come mezzo espressivo ma sviluppa anche installazioni. È co-fondatore de Il Varco, casa di produzione cinematografica e impresa che opera nel settore dell’arte, fra cinema, pittura, letteratura e fotografia.

EVELYNE HUET

(PITTRICE – FRANCIA)

 

Evelyne Huet è un’artista francese che vive e lavora a Parigi. È una matematica di formazione, una disciplina che ha scelto per la sua dimensione infinitamente onirica e che ha insegnato per molti anni all’università (Université Paris 1 – Panthéon Sorbonne, e poi Université Paris 7 – Denis Diderot).
Ha anche studiato belle arti nel famoso atelier La Grande Chaumière a Montparnasse, Parigi. La pittrice ARTOZOUL era la sua insegnante lì. Di recente, Huet è stata nominata Sociétaire del Salon d’Automne. Come membro del gruppo OpenArtCode di artisti internazionali con sede a Firenze, Italia, le sue opere vengono regolarmente esposte in mostre personali e collettive in tutto il mondo, tra cui Giappone, Spagna, Cina, Italia, Monaco, Svizzera, Canada e Stati Uniti. .

I suoi dipinti digitali esplorano la complessità delle emozioni umane, immaginando sia la loro genesi sia la loro evoluzione. Dipingendo su uno schermo con la punta delle dita, Huet semplifica le linee e le forme dei corpi, spesso solo il volto, fino all’estremo, cercando di scoprire sentimenti come la felicità, la paura e il dolore, nonché espressioni più universali di religioni, miti, e storia. Attraverso strati di colore, costruisce immagini complesse che riflettono la moltitudine di esperienze che costituiscono la condizione umana universale, con le sue gioie ma anche i suoi tormenti e la sua violenza.

GIOVANNI MARZIANO

(PITTORE – 1949 – CATANZARO)

 

Giovanni Marziano è nato nel 1949 a Catanzaro, dove vive ed opera.
Inizia l’attività espositiva nel 1972, partecipando a rassegne d’arte nazionali: Premio Villa S.Giovanni, Il Fiorino, Contea di Bormio, Premio Michetti, Premio Città di Pizzo. Dallo stesso anno espone in numerose città italiane ed europee. Ha realizzato dipinti per il comune di Catanzaro, di Rosarno, affreschi nel palazzo municipale di Soveria Mannelli, il mosaico absidale di 200 mq ed i dipinti delle cappelle laterali nella Cattedrale di Squillace. Studioso dell’opera di Mattia Preti e del ’600 napoletano, ha tenuto conferenze divulgative in molte città calabresi. E’ stato direttore artistico del Museo d’arte Moderna di Soveria Mannelli  e della Galleria d’arte “Prometeo” di Catanzaro. Finalista a Figurativas 11 (Barcellona), opera acquisita dal Meam (Museo Europeo di Arte Contemporanea). Un suo “Autoritratto” del 2007 fa parte della collezione del Museo Civico di Taverna.

GIO MONTEZ

(ARTISTA, CURATORE – 1987 – ROMA)

 

Giorgio Capogrossi, in arte “GIO MONTEZ”, nasce il 12 Novembre 1987 a Roma. Frequenta la 12a classe presso l’istituto Heinrich-von-Gagern-Gymnasium a Francoforte sul Meno; consegue la maturità scientifica presso il liceo s.s. Amedeo Avogadro di Roma nel 2006. Viaggia per due anni in Europa occidentale, America latina ed Australia. Rientrato in Europa si stabilisce in Germania, a Francoforte sul Meno, dove partecipa a numerose iniziative culturali riscuotendo i primi significativi riconoscimenti. Dal 2011 per qualche anno lavora come assistente dell’artista interdisciplinare Miroslaw Macke, Meisterschueler di Hermann Nitsch, interessandosi all’Azionismo Viennese ed ai suoi sviluppi nelle seconde e terze generazioni. Nello stesso anno viene nominato membro del consiglio direttivo della Kunstverein Familie Montez e partecipa ad alcune mostre presso importanti istituzioni come il Museo das Haus der Stadtgeschichte di Offenbach, il Museum fuer Moderne Kunst, Biennale della Lichtkultur e molte altre. Nel 2012 si trasferisce a Roma dove frequenta Scultura presso l’Accademia di Belle Arti e inizia un progetto gemellato con il Kunstverein Familie Montez di Francoforte costituendo l’Atelier Montez, di cui è Presidente e Direttore Artistico. La sua attività espositiva e da curatore artistico prosegue ricca e variegata fino ad oggi.

MARCO CASALVIERI

(PAINTER, DIGITAL ARTIST – 1993 – ROMA)

 

Nato a Roma nel 1993, Marco Casalvieri mostra immediatamente un forte legame con il disegno e il design. Come pittore digitale, nel 2008 entra a far parte del collettivo internazionale SLASHthree partecipando a 4 mostre.
Nel 2012 decide di avvicinarsi alla pittura a olio all’Accademia di Belle Arti di Roma, innamorandosi immediatamente del mezzo. Dopo due anni di intensa pratica, lascia l’Accademia per continuare la sua ricerca artistica da solo, lontano dal rumore assordante dell’ambiente accademico di oggi.

EMANUELE TOZZOLI

(MIXED MEDIA ARTIST – 1989 – ROMA)

 

Un viaggio attraverso archetipi, visioni e incubi dell’infanzia.
Riassunto dalle parti più nascoste della natura umana, scende nelle sue profondità e cerca le figure originali. Emanuele Tozzoli vive la sua arte come un profondo percorso di apertura e conoscenza, indagando la natura sottile della composizione artistica. Con un flusso di lavoro istintivo e viscerale, libera ciò che viene dall’inconscio, usando una simbologia ricorrente. Ogni opera diventa la materializzazione di un mondo interiore onirico e stravagante.

Emanuele entra nell’arte della pittura dipingendo, dipingendo e ancora dipingendo. Ha esteso i suoi studi all’ingegneria del suono e ha completato la sua formazione come decoratore e restauratore di pitture murali a Torino. Ora si sta muovendo nel circuito delle gallerie internazionali, con una recenti partecipazioni in gallerie come Daville Baillie Gallery, Johannesburg (SOUTH AFRICA), Le Dame Art Gallery (Regno Unito), Saphira e Ventura Gallery, New York (USA), 19Karen Galleria (AUSTRALIA), Galleria Mika, Tel Aviv (ISRAELE), Galleria Art Zandra, (SVEZIA).

MASSIMO RICCI

(PITTORE – 1961 – NIZZA MONFERRATO)

 

Massimo Ricci nasce nel 1961 a Nizza Monferrato, dove vive e lavora.  Ha iniziato giovanissimo il suo cammino al contatto di artisti della scuola astigiana, ha frequentato lezioni di figura presso l’Accademia Linguistica di Genova maturando il proprio linguaggio che tutt’oggi costituisce occasione ininterrotta di ricerca stilistica.
Affianca all’attività in studio realizzazioni pittoriche e grafiche in contesti architettonici e in ambienti esterni. Svolge attività di illustrazione artistica per l’editoria, enti pubblici e aziende in vari settori. Ha illustrato per tutto l’arco di durata editoriale il foglio nazionale “Tuttocome” sul quotidiano La Stampa.

SIMONE ANTICAGLIA

(PITTORE – 1973 – PERUGIA)

 

Da autodidatta, quindi senza canoni accademici di riferimento, utilizzando forme e colori che riconosce intimamente, nei suoi lavori cerca di narrare se stesso attraverso la rappresentazione di paesaggi interiori, onirici o fisici, focalizzando l’attenzione su ciò che con maggior irruenza si imprime profondamente in lui.
Sensibilmente affascinato dalle Opere Cubiste ed Espressioniste del ‘900 e successivamente dall’Arte Informale, utilizzando compromessi geometrici, inizia a dipingere su tela e rimane sorpreso quando si riconosce nella luce intrappolata dai meccanicismi costruiti nei suoi lavori. E’ evidente, infatti, il suo tentativo di trovare attraverso le proprie opere il modo di liberare quella luce esprimendo un’ impellente esigenza di vivere oltre che a concretizzare a livello visivo la propria condizione esistenziale.